Arato Di Soli
I fenomeni ed i pronostici

 15,00

Tradotto dall’originale greco da Claudio Mutti.
Nota introduttiva, commenti e riferimenti bibliografici di Mario Zoli

In Occidente è rimasta ben poco di quella che un tempo fu una “scienza
cosmologica”, e quel poco viene spesso male inteso: pensiamo al Boll,
per esempio, quando parla «della religione astrale e delle credenze
astrologiche orientali» e quando si meraviglia che «il poeta delle
costellazioni e dei pronostici del tempo, Arato, ignora completamente
l’astrologia: eppure la stessa popolazione del suo poema è un indizio
della crescente attenzione rivolta dai Greci al cielo stellato». Ma è
proprio la detta “popolarità” e la stessa definizione data di Arato: «poeta delle costellazioni»,
che dovrebbe far riflettere sul fatto che si tratta proprio di Astrologia, ma certo non ancora
resa mutila dalla sua limitata e discutibile applicazione “genetliaca”.

 

ISBN

9788870490688

Pagine

pp. 127

Anno di pubblicazione

1984

Illustrazioni

in B/N nel testo

Rilegatura

Brossura, cucito filo refe

Formato

15×21 cm